Blog

Il blog sul telemarketing ti guiderà nel mondo dei call center outbound. Vieni a trovarci!

Tra chatbot e sales lead, il telemarketing come relazione

L' Intelligenza Artificiale pervade ormai ogni ambito della nostra vita lavorativa e non solo. Anche il telemarketing ne fa uso mantenendo però una specificità.

Questa specificità è la capacità esclusiva, del telemarketing, di costruire e mantenere relazioni.

Telemarketing come relazione.jpg

Il telemarketing non è in contrapposizione con le chatbot né con la lead generation, come abbiamo avuto modo di chiarire qui. Entrambi sono utili strumenti per fornire un servizio di prima assistenza a un potenziale cliente o a un cliene già acquisito, nel caso delle chatbot, e per preselezionare i contatti, nel caso della lead generation.

Il telemarketing, al contrario, trae beneficio da queste attività e se ne serve per migliorare qualitativamente il proprio lavoro.

Il contatto umano, infatti, prevale sempre su qualsiasi altra forma, pur efficientissima, di tecnologia. Quando sorge un problema complesso o quando occorre instaurare una relazione di fiducia per conquistare e fidelizzare i clienti, il telemarketing è la soluzione.

Per quante casistiche possa contemplare il machine learning e inglobarle nei software, la relazione umana è insostituibile.

Moltissimi sales lead cadono perché non si è in grado di contattarli in tempi brevi e in modo adeguato. Un potenziale cliente che ha manifestato interesse per i tuoi prodotti/servizi, guarderà anche la concorrenza e, se trascurato, si rivolgerà a questa per l'acquisto. A volte è questione di poche ore, non di giorni, e il lead è perso.

Le chatbot (da chat e robot) sono utili dentro un confine chiaro di domande e risposte ma, appena il problema si complica, generano più insoddisfazione che aiuto ed è molto facile perdere un cliente frustrato per un servizio scadente e a volte persino irritante.

La vendita è un processo complesso dove giocano molti fattori, a volte prevedibili, più spesso no.

Raggiungere il tuo target clienti, coinvolgerli in una prospettiva di miglioramento della loro esistenza attraverso i tuoi prodotti/servizi e, infine, condurli alla conclusione della trattativa, è compito peculiare e insostituibile del telemarketing, sia esso inbound che outbound.

Un operatore di telemarketing preparato, competente, empatico, sa sempre come negoziare, anche in situazioni difficili, e portare a casa il risultato.

Che tu abbia bisogno di raggiungere il tuo target clienti, di fidelizzarli o di scaldare i contatti per gli agenti, qualunque strategia di vendita tu voglia adottare, Explico sa offrirti la soluzione migliore, più conveniente ed efficace.

Contattaci per avere maggiori informazioni o lascia un commento qui sotto esprimendo la tua opinione, saremo felici di confrontarci con te.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Telemarketing e lead generation: l'osmosi virtuosa

Il Telemarketing nasce per trovare clienti. La lead generation, idem. Due approcci diversi che, insieme, rendono esponenziale il valore generato separatamente.

L'espressione "lead generation" significa letteralmente "generazione di un potenziale cliente". Il termine "lead" infatti, nel business, assume il significato di "potenziale cliente" e la lead generation non è altro che un'attività volta a generare un'occasione di vendita. Il telemarketing, d'altro canto, è una lead generation della vecchia scuola, volto a generare un'opportunità di vendita attraverso un contatto telefonico.

Telemarketing e lead generation.jpg

Un lead (nei Paesi anglofoni in realtà si parla di "business lead" o "sales lead") è quindi una persona interessata al prodotto o servizio che vendi.

Le aziende generano lead da una varietà di fonti: fiere, mailing dirette, newsletter, form, concorsi...Quando un perfetto sconosciuto si rivolge alla tua azienda di sua spontanea volontà e mostra interesse per il tuo prodotto, lasciando i propri recapiti a una di quelle fonti, ti dà una straordinaria opportunità di costruire un rapporto di reciproca soddisfazione.

Tuttavia, questi lead necessitano di un ulteriore passo: senza un'azione successiva di marketing il contatto generato muore senza dare risultati concreti. Ecco dunque la necessità di strutturare una strategia efficace che non lasci cadere nel vuoto una possibilità concreta di vendita.

Il telemarketing serve proprio a questo.

Un lead di vendita non è in realtà una "prospettiva" di vendita di per sé perché un'azienda deve esaminare ulteriormente il lead per valutare il suo reale interesse e convertirlo in un cliente.

Il modo migliore, più veloce ed efficace per esaminare le concrete possibilità o meno che un contatto può generare, è un'azione di telemarketing.

Spesso infatti i lead cadono perché vengono contattati troppo tardi, in modo non professionale e con modalità troppo fredde e non personalizzate.

Quando parliamo di osmosi virtuosa tra lead generation e telemarketing, intendiamo un processo in cui l'uno influenza l'altro e viceversa in un rapporto di reciproca convenienza.

Il telemarketing, che si è evoluto rispetto alla vecchia scuola delle chiamate a freddo (che però, attenzione, usato correttamente ancora funziona egregiamente), cioè verso persone che non hanno mai avuto contatti con i prodotti o servizi proposti, utilizza adesso anche i lead per effettuare chiamate cosiddette "a caldo" verso contatti che hanno già manifestato interesse verso la tua azienda.

Explico fornisce entrambe le soluzioni:

  • generiamo lead sales e provvediamo a contattarli per sondare la reale opportunità di vendita;
  • generiamo contatti direttamente con il telemarketing a freddo.

Dipende dal tipo di campagna e dal tipo di prodotto/servizio che si vuole promuovere la scelta dell'uno piuttosto che dell'altra.

Se vuoi saperne di più, non esitare a contattarci, oppure lascia un commento qui sotto, saremo lieti di offrirti la nostra consulenza

Il telemarketing che convince ha un carattere femminile

L'evoluzione che il telemarketing sta vivendo lo posiziona sempre più su un livello di progressiva "femminilizzazione" nel senso non del genere ma dei modi.

Quando parliamo di evoluzione del Telemarketing, non ci riferiamo solo alla tecnologia che ha cambiato e sta cambiando il modo di lavorare ma anche al diverso approccio che l'operatore di call center deve avere verso il cliente

Il telemarketing femminile.jpg

Con l'espressione "telemarketing femminile" intendiamo un modo di rapportarsi con il cliente che presuppone cura, rispetto, attenzione, ascolto, tipiche caratteristiche femminili nel senso etimologico del termine.

"Femmina" infatti, deriva dal latino "foemina" cioè colei che nutre, genera, allatta.

Traslato nel nostro campo, questo significato ci aiuta a focalizzare meglio il ruolo che il telemarketing deve avere nell'ambito di una più ampia strategia d'impresa.

È un compito peculiare del telemarketing, infatti, "generare clienti" e prendersene cura, nutrendone il rapporto con un dialogo che lo aiuti a compiere scelte oculate attraverso le giuste informazioni.

In questo senso, l'aggettivo "femminile" serve a comprendere esattamente cosa intendiamo.

E non a caso abbiamo scelto come immagine un dipinto dell'artista Tamara de Lempicka, che amava rappresentare tipici oggetti simbolo di forza (si veda ad esempio anche il famoso autoritratto con la Bugatti verde) dominati dal carattere femminile.

Così anche il dipinto qui riportato del 1930, Il telefono, ci piace utilizzarlo per veicolare il messaggio di una femminilità che domina la tecnologia potenziandone i vantaggi che questa può offrire all'umanità.

 

Le domande difficili nel telemarketing: come affrontarle

A volte capita che un operatore telefonico si imbatta in un cliente che lo sottopone a domande non previste nel corso di una campagna di telemarketing

Non potendo confidare nel suono salvifico della campanella di ricreazione per cavarsela come Nanni Moretti, cosa deve fare un bravo operatore di telemarketing per evitare risposte raffazzonate, mostrare professionalità e continuare un dialogo costruttivo?

La prima regola cui un bravo operatore di telemarketing deve attenersi, è NON SVIARE LA DOMANDA DIFFICILE.

Le domande sono preziose occasioni per comprendere il livello di interesse del potenziale cliente che stiamo contattando.

Se non abbiamo la risposta adeguata alla sua domanda, rassicuriamolo che ci stiamo attivando per fornirgliela, consultando qualcuno più ferrato di noi.

A volte non si ha il tempo necessario durante la conversazione telefonica per avere la risposta richiesta perciò rimandiamo il colloquio a un momento successivo, quando saremo in grado di essere più esaustivi.

In generale, come abbiamo ripetuto più volte, una campagna di telemarketing va sempre preparata scrupolosamente.

Ed è importante mantenere sempre il controllo della conversazione durante una campagna di telemarketing: in qualunque circostanza, l'operatore deve mostrare sicurezza, calma, capacità di affrontare domande difficili e di evitare le provocazioni.

Il Telemarketing è un servizio alle imprese che fa incontrare chi cerca e chi offre servizi/prodotti.

La gestione delle domande è parte essenziale del ciclo della vendita, anche nel contatto telefonico, per questo non va mai trascurato né sottovalutato l'impatto che può avere nella conclusione di una trattativa.

 

 

 

 

 

Il telemarketing punta e centra l'obiettivo

Il telemarketing per raggiungere i tuoi obiettivi commerciali e creare valore nel rispetto della privacy

Certo, non è più il telemarketing che ancora nel 2014 l'artista Joana Vasconcelos poteva raffigurare come una enorme pistola Beretta a indicarne il valore aggressivo.

Ma il Telemarketing selvaggio, come lo abbiamo conosciuto negli anni precedenti, fatto di chiamate in orari impossibili ai privati, è tramontato.

Telemarketing

La Explico, sul mercato da ormai 20 anni, da subito ha scelto di specializzarsi nel telemarketing business to business a scapito del business to consumer e del teleselling.

Anche il telemarketing a freddo btob, tuttavia, sta evolvendosi grazie all'ausilio di nuovi strumenti tecnologici.

Il telemarketing è essenziale nella catena di produzione del valore di un'azienda.

È lo strumento più efficace e mirato per raggiungere la clientela e fidelizzarla costruendo un rapporto di fiducia e dialogo costante.

Il telemarketing è il mezzo più veloce per conquistare potenziali clienti che abbiano mostrato interesse per i prodotti/servizi dell'impresa.

Il telemarketing crea valore, non distrugge

Telemarketing e privacy

Chi lavora in modo corretto e serio ha tutto l'interesse a svolgere l'attività di telemarketing rispettando le norme sulla privacy previste dal nostro ordinamento

Esiste ormai da più di 10 anni in Italia il Registro pubblico delle opposizioni a cui i cittadini italiani possono iscriversi gratuitamente per evitare di essere contattati da un call center.

Privacy e telemarketing

Dal 2018 è entrato in vigore, in tutti gli Stati membri dell'UE, anche il GDPR (General Data Protection Regulation), Regolamento Ue 2016/679, in merito alla protezione delle persone fisiche relativamente al trattamento e alla libera circolazione dei dati personali.

È importante uniformarsi alle norme per lavorare con serenità e nel rispetto della legge e dei cittadini.

Explico ha sempre rispettato la privacy e, in special modo, ha sempre evitato di svolgere il telemarketing selvaggio.

Abbiamo abbandonato quasi subito, dopo solo pochi anni di attività, il teleselling specializzandoci solo nel telemarketing BtB.

Le nostre liste seguono i protocolli adeguati per il trattamento dei dati.

Infine, argomento di cui parleremo in un prossimo post, il telemarketing stesso sta subendo un'evoluzione che vede un ruolo sempre meno centrale del telemarketing a freddo e un maggiore ricorso all'inbound sales.

Ma di questo parleremo più approfonditamento nei prossimi post.

Uno squillo dal passato

Con "Il telefono e l'aragosta" di Salvador Dalì, abbiamo inaugurato la rubrica "Il telefono nell'arte" e ogni Venerdì della settimana pubblicheremo un' opera artistica a tema.

Oggi tocca a "I telefoni" di Christian Marclay. L'artista americano mostra l'evoluzione del telefono attraverso spezzoni di film abilmente combinati insieme.

Un vero tuffo nel passato :)

PS: Se avete opere artistiche sul telefono da segnalarci, scrivetelo pure nei commenti, saremo lieti di pubblicarle

#Telefono #Arte #Iltelefononellarte #Explico #Comunicazione

Non te lo sto dicendo

In un contatto telefonico, nei pochi istanti a disposizione, può bastare l'uso errato un'insidiosa particella a determinare il successo o meno della conversazione.

"Non devo venderle nulla", "Non sto dicendo che..." "Non voglio disturbare il..."

Le parole da evitare nel Telemarketing
Sono tutte frasi anticipate dalla particella "non" che, come insegnano gli studiosi della neurolinguistica, ha lo straodinario potere di suggestionare la mente dell'ascoltatore esattamente nella direzione opposta a quella dichiarata.
La reazione immediata sarà di diffidenza da parte del nostro interlocutore che si metterà in allarme o sulla difensiva bloccando sul nascere ogni nostro tentativo di avviare una costruttiva conversazione.

Nel telemarketing, ogni singola parola ha un peso enorme, anche quello di una semplice particella.

#Explico #Telemarketing #Parole #usodellenegazioni

Se telefonando...

Salvador Dalí credeva che il telefono e l’aragosta potessero rivelare i desideri segreti dell’inconscio e gli attribuiva forti connotazioni sessuali.

Il modo in cui colloca i due oggetti è, d’altra parte, eloquente.

1200px-Lobster_Telephone_Photo.jpg

Il surrealismo, corrente di cui Dalì faceva parte, considerava l’arte come veicolo di conoscenza irrazionale, sostituendo l’occulto e l’ermetico al palese e dichiarato.

Chissà oggi, tra smartphone e cuffie, come avrebbe inquadrato l’oggetto :)

#Telefono #Surrealismo #Erotismo #Dalì #Telemarketing #Cuffie #Smartphone

Come si vendeva, come si vende

Un film del 1992 e un recente articolo del WSJ per capire la rivoluzione avvenuta nel modo di vendere dagli anni '90 del secolo scorso a oggi.

L'articolo è questo:
https://lnkd.in/grdjpr4



Nel vostro ambiente di lavoro, riscontrate anche voi questo cambiamento radicale di approccio al cliente e di motivazione dei venditori, o è rimasto tutto come mirabilmente raccontato nel film di James Foley?

#Vendere #Motivarelaretevendita #Formazioneaziendale #Telemarketing

Quando nasce il telemarketing in Italia?

Ci siamo divertiti a spulciare questa edizione del dizionario di Parole nuove 1964-1984 aggiornata fino al 1989.

Questo dizionario fu concepito per dare dignità e riconoscimento a parole ed espressioni che non trovavano accoglienza nei dizionari tradizionali e che si riteneva avessero buone probabilità di restare nel vocabolario comune almeno per il prossimo futuro.

Quando nasce il Telemarketing in Italia

Così troviamo, per esempio, parole oggi di uso comunissimo come “digitale”, “telecomunicazione” “telematica”, “vendita porta a porta”, “ventiquattrore”...

La parola Telemarketing invece non compare per nulla e nemmeno l’espressione “call center”.

Dunque, almeno fino al 1989, in Italia esistevano dei quasi sinonimi come centralino e segreteria telefonica (intesa però come servizio pubblico a disposizione degli abbonati al telefono per fornire le informazioni più disparate) ma non erano assolutamente di uso comune la parola Telemarketing né l’espressione call center.

Quando si afferma dunque in Italia la tecnica di promozione commerciale attraverso sistemi telematici?
Anni '90 del secolo scorso o anni 2000?

#Telemarketing #digitalmarketing #futuro #vendita #Italia

Parole e magia

Diceva Sigmund Freud che le parole e la magia erano considerate all'inizio una medesima cosa.

Anche le parole di oggi mantengono gran parte del loro potere magico.
Le parole modellano i nostri pensieri e le nostre azioni.
Parole e magia nel Telemarketing
Ogni singola parola produce nel cervello delle scariche neuronali di diversa intensità perché è stata da noi appresa in specifiche situazioni e collegata a una rete di emozioni e significati. Ognuna, quindi, può avere un impatto diverso sull'attivazione del nostro cervello.

Questo significa che se voglio stimolare una risposta emotiva di un certo tipo posso utilizzare parole che creino quell'emozione nel cervello, nemmeno curandomi troppo delle frasi che le contengono.

Explico pone da sempre una grande attenzione all'aspetto comunicativo del linguaggio, per noi più importante di qualsiasi evoluta tecnologia.

#Telemarketing #Explico #Linguaggio #comunicazione #poteredelleparole

Il potere delle parole

Le parole sono lo strumento più importante nel telemarketing, saperle usare è fondamentale

Quando contattiamo un potenziale cliente, abbiamo una manciata di secondi per convincerlo che il tempo speso per ascoltarci, non è tempo perso. L'accuratezza delle parole scelte è decisiva.

Il potere delle parole nel Telemarketing
Come sottolinea questo libro, che consigliamo per la ricchezza dei contenuti e degli spunti di riflessione che offre, un errore linguistico potrebbe essere fatale. Un po' come ascoltare una persona che ci dona bellissime parole d'amore ma con un alito pestilenziale. La nostra attenzione non sarà rivolta alle sue parole ma al modo come fuggire prima possibile da quell'odore nauseante. "Ecco, gli errori sono un po' come l'alitosi: distraggono dal contenuto della comunicazione e si prendono inevitabilmente le luci della ribalta, concentrando su di sé tutta l'attenzione"
Parlare correttamente, usando le parole giuste, con semplicità e chiarezza è il principio cardine di ogni buona campagna di telemarketing

#Telemarketing #Usodelleparole #errorilinguistici #poterealleparole

L'interlocutore

Sapere sempre a quale figura aziendale rivolgersi prima di avviare una campagna di telemarketing

Abbiamo sempre le idee chiare sulla figura aziendale che dobbiamo contattare prima di iniziare una campagna di telemarketing?
A volte ci si limita a chiedere del titolare o, peggio, di un generico responsabile, sperando che il nostro tentativo vada a buon fine.

Come individuare l'interlocutore giusto nel telemarketing

Quasi sempre, però, fallisce.
Come abbiamo già ripetuto molte volte, una campagna di telemarketing non si improvvisa: per impostarla con successo, occorre studiare e prepararla con meticolosità.
Uno degli aspetti che si trascura più comunemente, è proprio quello di individuare la persona giusta con cui si deve interloquire prima di alzare il telefono.
Inutile sparare a caso o chiedere sempre del titolare: 9 volte su 10 la segreteria alzerà un muro insormontabile.
Quando non lo alzerà, avremo scomodato inutilmente l’interlocutore sbagliato, generando fastidio e disappunto.
Un boomerang difficile da recuperare
#Explico #Telemarketing #Interlocutore

Lo script

Quanto conta lo script in una campagna di telemarketing?

Lo script, termine inglese che vuol dire “testo scritto”, nel telemarketing è quella traccia che aiuta l’operatore telefonico a orientare la conversazione secondo l’obiettivo prefissato.

Parole e Telemarketing

Ma è così importante?
No, non lo è e, soprattutto, non è standardizzabile per tutti gli operatori.
La cosa più importante è comprendere tutti gli aspetti del prodotto/servizio oggetto della campagna che possono essere utili per ottenere un appuntamento commerciale.
Quindi è importante, molto, studiare bene l’argomento che si vuole promuovere.
È chiaro che non si deve diventare esperti della materia ma, come ogni operatore preparato e con lunga esperienza sa, inquadrare bene quegli argomenti su cui far leva per suscitare l’interesse dell’interlocutore e conquistarne l’ascolto.
L’elaborazione dello script poi, sarà genericamente elaborato anche in accordo con il committente ma sarà ogni singolo operatore a personalizzarlo in base alle proprie competenze ed esperienza.
Ogni conversazione telefonica è diversa dall’altra e bisogna riuscire sempre a ricondurre l’interlocutore sull’obiettivo che ci siamo prefissati.
Per questo il telemarketing non si improvvisa e uno script non serve a niente se non ci sono le competenze adeguate per svolgere questo lavoro
#Telemarketing #Explico #Script

La postura

Come la postura influenza il nostro rendimento nel telemarketing

“Non stare curvo, raddrizza quella schiena!”
Tutti soldati sull’attenti si voleva un tempo e la postura era parte del programma scolastico.

L'importanza della postura nel telemarketing
Poi ci siamo rilassati. Per fortuna. Forse un po’ troppo.
Più liberi ma più sedentari. E più curvi.
Ma la postura influenza come la mimica facciale il nostro umore?
Quando vi accingete a fare una telefonata di lavoro, fate caso se il busto è in posizione eretta o curva? E quando avete un colloquio di persona, tendete ad allargare le spalle e raddrizzare la schiena?
Per le neuroscienze vale lo stesso principio della mimica facciale: se sono felice, sorrido, ma è vero anche il contrario, se sono triste e sorrido, il mio umore tenderà a uniformarsi all’espressione facciale.
Allo stesso modo, quando sono triste, il mio corpo tenderà a incurvarsi, ma se mi raddrizzo, il mio umore tenderà a migliorare.
In tutti i corsi di marketing si è sempre insegnato a stamparsi un bel sorriso in faccia prima di incontrare un cliente, in qualsiasi condizione emotiva ci si trovi.
Però oggi sappiamo che non è solo questione di immagine.
Corpo e mente concorrono alla pari nella formazione del nostro stato emotivo.
L’uno influenza l’altra e viceversa.
Non è poca cosa saperlo quando si deve conquistare un cliente.

Come definisci il problema determina se lo risolverai

Le risposte sono tutte dentro di noi, basta solo saper fare la domanda giusta alla nostra memoria. Radiestesia docet ;)

Il sorriso

Il sorriso è contagioso anche in una vendita telefonica

Sappiamo tutti che l’umore influenza la nostra mimica: se sono triste, il mio volto rispecchierà questo stato d’animo, le labbra tenderanno a incurvarsi verso il basso e il mio sguardo sarà spento.

Perché è importante sorridere mentre si fa telemarketing
Ma è vero anche il contrario? Se sono triste ma inizio a sorridere, posso influenzare il mio umore?
Secondo le neuroscienze delle emozioni, sì.
Corpo e mente interagiscono costantemente e si influenzano a vicenda.

La mimica, inoltre, secondo studi neurologici, contribuisce all’empatia. Quando una persona riconosce l’espressione facciale del suo interlocutore, tende a corrispondere all’espressione riconosciuta.

E al telefono?
Per esperienza, sappiamo che la dinamica è la stessa.
Il tono della nostra voce cambia a seconda del nostro umore.
Se inizio la conversazione telefonica con un bel sorriso, questo influenzerà il tono della mia voce che tenderà a essere più allegro ed empatico e il mio interlocutore lo percepirà e tenderà a sua volta ad assumere la stessa espressione.
#Explico #Telemarketing #Sorriso #Mimicafacciale

Inserito il 17/05/2021 da Elissa

Il controllo: skill fondamentale nel telemarketing

Perché è importante mantenere sempre il controllo della conversazione telefonica in una campagna di telemarketing che funzioni e dia risultati in breve tempo.

Mantenere sempre il controllo della conversazione telefonica è essenziale per raggiungere l’obiettivo prefissato di una campagna di telemarketing.

Come avere il controllo della chiamata nel Telemarketing
Questo però non significa seguire rigidamente uno script perché ogni interlocutore è diverso dall’altro e la conversazione può prendere strade impreviste e imprevedibili.

È importante ascoltare e assecondare l’interlocutore: se ha voglia di dilungarsi al telefono, è bene accontentarlo, seguire il filo del suo ragionamento ma ricondurlo sempre sul nostro sentiero; se invece manifesta segni di insofferenza o impazienza per mancanza di tempo, non insistiamo, non inondiamolo con fiumi di parole...a volte, è preferibile rinviare la conversazione stessa a un altro momento, suggerendo noi la data in cui ricontattarlo.

Un bravo operatore telefonico sa cogliere ogni sfumatura dal tono della voce, dalle pause, dalle espressioni usate dal suo interlocutore e agire di conseguenza.

Nessun contatto è mai veramente perso se si sa come mantenere il controllo della conversazione.
#Explico #Telemarketing #controllodellaconversazione

Inserito il 11/05/2021 da Elissa

L'hic et nunc nel telemarketing

Per un contatto telefonico di successo, occorre concentrazione. Nel telemarketing, acquisire la capacità di essere hic et nunc è fondamentale e indispensabile

Quanto riusciamo a mantenere la concentrazione su quello che stiamo facendo?
È questa, forse, una delle capacità più difficili da conquistare. Anche nel telemarketing.


Capire il senso profondo di essere qui e adesso non è solo una questione filosofica ma qualcosa che attiene al nostro modo di vivere, di relazionarci col prossimo, con noi stessi, con quanto ci circonda.
Nel lavoro, in qualsiasi lavoro, questa capacità fa la differenza tra una prestazione mediocre e una prestazione di qualità.

Il qui e ora nel telemarketing
Nel telemarketing, il nostro mestiere, dove tutto si gioca in pochi, essenziali minuti, a volte secondi, maturare la consapevolezza dell’hic et nunc è essenziale.
È parte del nostro percorso di formazione, è esattamente quel quid che fa “sfondare il muro” della diffidenza e della contrarietà che aprioristicamente un operatore di call center sente alzare davanti a sé ancora prima di comporre il numero.
Liberare la mente dagli schemi, pensare solo a quel momento, a ogni singola parola che si pronuncia.

Dove sei? Qui
Che ora è? Adesso
Che cosa sei? Questo momento
#Explico #Telemarketing #hicetnunc

Inserito il 10/05/2021 da Elissa

Aggiungi commento

Puoi aggiungere un commento compilando la form sotto. Utilizza il testo semplice. I commenti vengono moderati.